UN PIANO REGIONALE PER L’OCCUPAZIONE GIOVANILE NEL LAZIO E PER LO SVILUPPO DELLE CITTA’ DEL GOLFO

Silvio D'Arco

La situazione sociale  è molto grave, ha affermato l’assessore provinciale Silvio D’Arco, candidato al Consiglio Regionale con la lista civica MCL,  ed  in particolare  la disoccupazione giovanile. Di fronte  a questa emergenza le istituzioni  nazionali e regionali hanno il dovere di mettere in campo misure urgenti e straordinarie  per favorire  la ripresa  occupazionale.

In tale  contesto tra i punti qualificanti  del nostro programma, dichiara D’Arco, ci sarà una proposta  operativa e concreta per dare vita ad un organico  Piano regionale straordinario  per l’occupazione Giovanile  e,  poi anche una proposta di legge regionale puntuale  finalizzata  ad incentivare  l’imprenditoria femminile  che tiene conto  della necessaria  conciliazione dei tempi di lavoro delle donne.

Il  PIANO PER L’OCCUPAZIONE GIOVANILE farà leva in particolare sui tirocini formativi nelle imprese, sulla detassazione degli oneri sociali delle imprese per favorire le assunzioni dei giovani in cerca di prima occupazione, istituendo a tal fine un apposito fondo regionale  su cui far confluire sia risorse finanziarie regionali che  i  finanziamenti previsti dal Fondo Sociale Europei (quelli già esistenti 2007/2013 e quelli che verranno stanziati dal prossimo Programma  Quadro  2020 dell’Unione Europea).

LA PROPOSTA DILEGGE PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE si baserà fondamentalmente sui criteri  della legge nazionale 215/92, prevedendo però procedure più snelle e tempi certi di erogazione dei finanziamenti , nonché, misure puntuali  finalizzate alla  conciliazione   dei tempi di lavoro delle donne, incentivando  in particolare il lavoro part-time e il telelavoro.

Le proposte sopra indicate, sottolinea D’Arco , non sono solo idee, né tantomeno  motivi  elettoralistici   dell’ultima ora.

Si tratta di progetti sociali concreti  e fattibili,  già formalmente definiti in tutti i loro  aspetti amministrativi e finanziari che saranno presentati da MCL nei primi 100 giorni del nuovo Consiglio Regionale del Lazio.

L’Assessore D’Arco rilancia, quindi,  il tema dei servizi e delle infrastrutture   per il Sud Pontino.

Si tratta di 3 azioni strategiche per rilanciare concretamente lo sviluppo economico e produttivo delle città del Golfo di Gaeta, i cui progetti sono già in fase avanzata e in parte anche finanziati.

Progetti, quindi, fattibili e realizzabili nel breve e medio periodo. Purtroppo, fino ad ora, è mancata solo la reale volontà politica da parte della Regione Lazio.

Penso in particolare, dichiara D’Arco, ai 19 milioni di euro destinati alla Littorina Gaeta Formia, resi disponibili dai  Fondi Strutturali Europei, letteralmente  definanziati dalla Giunta Polverini a favore di altre opere similari dell’area romana ed inoltre, ai 5 milioni di euro stanziati dalla precedente Giunta regionale Marrazzo destinati alla realizzazione del progetto stradale di collegamento  e interconnessione commerciale tra il MOF di Fondi ed il Porto di Gaeta  Infine, conclude D’Arco , penso al Distretto Regionale della Nautica che prevedeva nei suoi indirizzi programmatici la realizzazione di un Polo della Nautica inteso come Centro Servizi Integrato a supporto delle attività produttive connesse alla  Cantieristica Navale e da Diporto presenti nelle città del  Golfo e  nell’entroterra del sud Pontino.

Si tratta, conclude D’arco,  di riprendere e rilanciare  seriamente  questi punti programmatici strategici, già condivisi dagli Enti Locali e Territoriali del Sud Pontino, che ho inserito nelle mia agenda elettorale e programmatica e  sui quali incentrerò la mia azione politica e istituzionale in ambito regionale in stretta sinergia, appunto, con  i Comuni delle Città del Golfo, con il Consorzio Industriale  e con L’Autorità Portuale  di Civitavecchia.

 

Il Direttore

Dott. Sergio Monforte

Translate »